Notifica al Ministero della salute n. 93138

Grasso addominale e morte prematura: perché hai davvero bisogno di perdere quella pancia

Il grasso in eccesso, che tende ad accumularsi in una “boa” intorno alla vita di alcune persone, aumenta il rischio di sviluppare patologie, come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari. Una nuova indagine rivela che le persone colpite sono anche a più alto rischio di morte prematura, indipendentemente dal loro peso.

Sapevamo già che il grasso in eccesso, che tende ad accumularsi in una “boa” intorno alla vita di alcune persone, aumenta il rischio di sviluppare malattie come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari.

Una nuova meta-analisi della letteratura scientifica rivela che le persone colpite sono anche a più alto rischio di morte prematura, indipendentemente dal loro peso. I ricercatori dietro questo lavoro hanno selezionato 72 studi che includevano dati di 2,5 milioni di persone. Questi sono stati combinati e analizzati, consentendo un confronto di vari parametri del corpo: forma del corpo, rapporto vita-fianchi, rapporto vita-coscia e circonferenza vita e coscia - in altre parole, tutte le aree in cui il corpo di un individuo immagazzina naturalmente Grasso.
Grasso addominale e morte prematura: perché hai davvero bisogno di perdere quella pancia
I risultati ottenuti indicano che, per ogni aumento di 10 cm di circonferenza vita, il rischio di mortalità (tutte le cause combinate) aumenta dell'11%. I ricercatori hanno anche scoperto che le persone il cui grasso è immagazzinato più sui fianchi e sulle cosce che sull'addome hanno un minor rischio di morte prematura. Ogni ulteriore aumento di 5 cm nella circonferenza aggiuntiva della coscia è risultato essere associato a un rischio di morte ridotto del 18% durante il periodo di follow-up (tra 3 e 24 anni, a seconda dello studio considerato).

Come spiegarlo? La risposta sta nel tipo di tessuto adiposo che tendiamo a immagazzinare, che varia a seconda della regione del corpo.

Grasso e salute: relazioni complesse
Il grasso corporeo, chiamato anche "tessuto adiposo", svolge un ruolo importante nella nostra fisiologia. Le cellule adipose che lo costituiscono immagazzinano il glucosio prelevato dal sangue sotto forma di lipidi, che possono poi essere utilizzati come carburante dal nostro organismo. Queste cellule producono anche segnali ormonali che influenzano molti processi corporei, compreso l'appetito. Per questo motivo, il tessuto adiposo svolge un ruolo importante nella salute metabolica.
Mentre avere troppo tessuto adiposo è problematico, anche averne troppo poco è problematico, poiché può influenzare la regolazione della glicemia (livelli di zucchero nel sangue) da parte dell'insulina. Normalmente, sotto l'influenza di questo ormone, le cellule adipose assorbono il glucosio e lo immagazzinano per dopo. Se non c'è abbastanza tessuto adiposo (come nella condizione chiamata lipodistrofia), questo processo non funziona correttamente, con conseguente resistenza all'insulina che può portare al diabete.
Il grasso è quindi importante per il metabolismo. Tuttavia, le sue conseguenze sulla salute variano a seconda di dove è immagazzinato e del tipo di tessuto adiposo formato. La ricerca ha dimostrato che le persone di altezza e peso simili, ma che immagazzinano il grasso in luoghi diversi, hanno rischi diversi di sviluppare determinate malattie metaboliche, come il diabete di tipo 2 o le malattie cardiovascolari.

Grasso viscerale, grasso sottocutaneo
La forma del corpo è influenzata da dove è immagazzinato il grasso. Le persone con una fisionomia a "mela" accumulano più grasso intorno alla vita. È anche probabile che immagazzinino più grasso e più in profondità. Questo tende a circondare i loro organi: questo si chiama grasso viscerale. Al contrario, le persone la cui fisionomia è "a pera" hanno le cosce più larghe, e immagazzinano il grasso in modo più uniforme intorno al corpo, sotto la pelle: si parla di grasso sottocutaneo.
Il modo in cui si distribuisce il grasso corporeo è accompagnato da proprietà fisiologiche differenti. Anche i geni che vengono espressi variano. Attualmente si ritiene che le cellule adipose che costituiscono i depositi di grasso viscerale e quelle che formano depositi di grasso sottocutaneo provengano da precursori diversi (i precursori sono cellule capaci di trasformarsi in cellule adipose).
Il grasso viscerale è considerato più resistente all'insulina. La sua presenza implica quindi un rischio maggiore di diabete di tipo 2. Questo grasso immagazzinato intorno alla vita rilascia anche più trigliceridi nel sangue in risposta agli ormoni dello stress rispetto al grasso immagazzinato intorno ai fianchi e alle cosce. Tuttavia, sappiamo che un alto livello di trigliceridi nel sangue è associato ad un aumentato rischio di malattie cardiache. In parte per questo motivo, il grasso viscerale è considerato più dannoso del grasso sottocutaneo.

Il grasso viscerale può essere dannoso per la salute
Al contrario, quest'ultimo è in grado di assorbire meglio i trigliceridi nel sangue e di conservarli in modo sicuro. Ciò impedisce loro di accumularsi in modo improprio nei muscoli o nel fegato, il che può portare a malattie del fegato. Il tessuto adiposo sottocutaneo può persino sviluppare cellule adipose specializzate, le cellule adipose "beige" in grado di bruciare i grassi. Per tutti questi motivi si ritiene che il grasso sottocutaneo sia più sicuro del grasso viscerale, pur svolgendo un ruolo protettivo nei confronti delle malattie metaboliche.
Come spiegare queste differenze?
Attualmente si ritiene che in alcune persone la capacità di immagazzinare grasso sottocutaneo si satura prima che in altre, sia perché manca lo spazio di immagazzinamento, sia perché manca la capacità di produrre nuove cellule adipose. Nel corpo degli individui interessati viene quindi immagazzinato più grasso nelle regioni viscerali, con i problemi sopra discussi. Questo grasso viscerale può anche causare infiammazione, che alla fine porta a malattie metaboliche e cardiovascolari. Inoltre, se il grasso non può più essere immagazzinato nel tessuto adiposo, i lipidi possono accumularsi altrove, soprattutto nel cuore, nei muscoli e nel fegato, che possono, ancora, avere conseguenze sulla salute.
Come per l'altezza, i geni svolgono un ruolo importante nel peso e nella forma del corpo. Da approfonditi studi genetici abbiamo identificato più di 400 minuscole differenze genetiche che potrebbero aiutare la distribuzione del grasso corporeo. Le persone con una mutazione nel gene LRP5, ad esempio, hanno più grasso nell'addome e meno nella parte inferiore del corpo. Queste piccole differenze genetiche sono comuni nella popolazione. Influenzano la maggior parte di noi in un modo o nell'altro, motivo per cui le fisionomie degli esseri umani sono così diverse l'una dall'altra.
Sfortunatamente, questo significa che può essere più difficile per una persona che immagazzina naturalmente grasso intorno alla vita mantenere una buona salute. Tuttavia, la ricerca mostra che perdere peso può ridurre la quantità di grasso viscerale e migliorare la salute metabolica. La forma del corpo è solo uno dei fattori di rischio: assicurandosi di condurre uno stile di vita sano, è sempre possibile ridurre il rischio di malattie croniche.

A QUESTO LINK POTETE LEGGERE L'ARTICOLO INTEGRALE IN LINGUA ORIGINALE.
RIMANI AGGIORNATO CON LA NOSTRA NEWSLETTER

KBioN Plus

Notificato e incluso nel Registro degli integratori alimentari tenuto dal Ministero della Salute al n. 93138, è di libera vendita e utilizzo secondo le indicazioni riportate sulla confezione.

 

Avvertenza

La perdita di peso raggiunta può variare da un individuo all'altro in base a quella che è comunemente definita "risposta individuale" e pertanto non può essere garantita quantitativamente.
© 2022 KBioN di Andrea Nesi I P.iva: 15084921004 I C.Fisc.: NSENDR65H22H501S I Numero REA: RM – 1566963 I Notifica al Ministero della salute n. 93138